Cotti e Mangiati

\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Risy (del 19/06/2007 @ 23:47:59, in dolci, linkato 2044 volte)

Chi nella sua infanzia non ha mangiato almeno una volta il fior di fragola?
Io da bambina lo adoravo, a volte lo preferivo ad altri gelati più consistenti, sembrava riuscisse ad accontentare tutti i gusti, il ghiacciolo fresco e il cuore di panna morbido... che cos'altro si può volere da un gelato?
Altro che l'era dei Magnum! Non ne posso più! Ogni estate ne tirano fuori uno nuovo con le sue edizioni limitate, neppure fosse un libro raro... e poi li assaggi e sono tutti uguali! La crema ha sempre lo stesso gusto! Rivoglio il bel cartellone dell'Algida, con tanto di Arcobaleno, Fior di fragola, Camillino, Twister, Cornetto, Cucciolone, Cremino... insomma, un cartellone dove scegliere tra gelati diversi, e non tra nomi diversi dello stesso gelato.
Scusate lo sfogo ma io da giovane ero capace di girare per ore a cercare un bar dell'Algida prima di comprare un gelato, adesso non li compro più non hanno più lo stesso gusto, sono solo ultra dolci, e poco cremosi.
Con tutti questi ricordi che mi giravano per la mente, quando mi è stato chiesto da un'amica di fare una torta per il compleanno della sua bambina, ho deciso di fare questa

Torta fior di fragola


Torta fior di fragola


Ingredienti

  • una torta tipo pan di spagna o paradiso da 30 cm di diametro
    ognuno ha la sua ricetta, per questo la ometto per ora
  • 500 gr di fragole
  • 2/3 arance
  • 1 litro di panna fresca
  • qualche cucchiaio di zucchero

Preparazione

La sera prima ho tagliato le fragole e le ho messe a macerare con qualche cucchiaio di zucchero e due arance spremute. Ho tagliato a metà la base, l'ho bagnata con il succo di un'arancia, quindi ho frullato le fragole e ho bagnato la torta, poi ho messo la panna montata e poi di nuovo un po' di frullato di fragole. Quindi ho ricoperto la torta con la panna e l'ho decorata come meglio ho potuto: non sono una grande disegnatrice! I bambini della festa hanno apprezzato molto.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Risy (del 19/06/2007 @ 00:01:28, in contorni, linkato 8465 volte)

Zucchine marinate


Ingredienti

  • zucchine
  • aglio
  • prezzemolo
  • basilico
  • menta
  • origano
  • peperoncino, se piace
  • sale
  • olio
  • aceto bianco
  • aceto balsamico

Preparazione

Scegliere tre o quattro zucchine di grossa pezzatura e tagliarle a fettine sottili. Preparare un'ampia padella con olio extravergine di oliva e friggerle velocemente. Scolarle dall'olio e metterle in una ciotola di coccio. Terminata la frittura, preparare una emulsione con aceto balsamico, un po' di aceto bianco, sale e tutti gli odori tritati. Ricoprire le zucchine e lasciar riposare. Servire fredde come contorno o per farcire ottimi panini.

N.B. La ricetta non è dietetica, visto che le zucchine sono fritte, eppure il mio nutrizionista me l'ha indicata come piatto da mangiare una volta ogni quindici giorni per far lavorare meglio il fegato.
Provare per credere!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Risy (del 18/06/2007 @ 23:03:24, in primi, linkato 1988 volte)

Una mia cara amica, Ross, è tornata da una vacanza in Sicilia con un bel mazzetto di odori misti e l'entusiasmo di aver avuto contatti con la cucina del centro vacanze in cui era stata ospite. Sfruttando a pieno le nuove conoscenze, una sera a cena ci ha preparato questa ricetta davvero squisita che io ho replicato con successo e grande soddisfazione del palato.


Paccheri agli odori di Sicilia


Ingredienti per 4 persone

  • basilico
  • menta
  • origano
  • maggiorana
  • salvia
  • aglio
  • due peperoni
  • olio
  • 4/5 pomodori maturi
  • pasta di acciughe
  • pecorino da grattuggiare

Preparazione

In una grande e capiente padella mettere abbondante olio extra vergine d'oliva, quindi dopo aver fatto un battuto con tutte le erbe e l'aglio, farlo soffriggere dolcemente nell'olio. Intanto fare a striscioline sottili i peperoni e buttarli nella padella. Scottare in acqua bollente i pomodori, togliere la pellicina e tagliarli a cubetti unendoli al resto e portare a cottura, per ultimo aggiungere un po' di pasta d'acciughe e una bella grattata di pecorino. Cuocere la pasta: io ho usato i paccheri, la Ross ha usato spaghetti, quindi il formato è a preferenza. Una volta scolati tuffarli nella padella e ripassarli sul fuoco fino a che non siano ben mantecati.
Servire subito.
Grazie Ross! ; - )
Mangiate con gusto!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Risy (del 08/06/2007 @ 15:04:18, in primi, linkato 3027 volte)

Sono gli ultimi giorni che trascorro a casa in malattia, la settimana prossima torno al lavoro. Le giornate milanesi sono uggiose e viene voglia di darsi ai pasticci casalinghi! Non so voi ma io d'estate non amo molto cucinare mentre in inverno o autunno il gradevole tepore che esce dal forno o dalle pentole in cottura mi ispirano e quindi mi dedico più volentieri alla cucina.
Sono le 12.45, ciondolo ancora per casa in pigiama, mi dico che forse sarà ora di cominciare a pensare al pranzo. Apro il frigo e cerco l'ispirazione tra le cose che "si devono consumare". Ho notato che questa caratteristica accomuna molti blogger e la cosa mi fa sorridere: la vera arte non è cucinare potendo scegliere gli ingredienti, ma riuscire a tirar fuori qualcosa di speciale con quel che si ha a disposizione!
Sbircio, ho del gorgonzola che mi ha deluso, lo avevo comprato con tanta voglia dalla signora che vende formaggi sotto casa, ma il suo sapore non è dei migliori, però bisognerebbe consumarlo. Che fare?
Illuminazione: vedo del radicchio rosso lungo (tipo Treviso) sul fondo del frigo e mi dico: "Uhm, quasi quasi faccio due ravioli con radicchio e gorgonzola". Capperi! Ma è quasi l'una! Non mi spavento.
Ravioli integrali - dettaglio Lavo il radicchio lo faccio a pezzetti e lo metto a scaldare con un filo d'olio in una padella, intanto vado a impastare la pasta. Acc.! Ho solo farina integrale in casa! Beh pazienza, li farò integrali, però, chissà, ormai è tardi, devo proseguire, quel che succede succede.
Così impasto la pasta velocemente e la metto sotto una scodella di coccio, segreto della mia zia Antonella, che dice sempre che la pasta fatta riposare sotto una scodella diventa liscia e più facile da lavorare ed effettivamente è così!
Mentre la pasta riposa preparo il ripieno, metto il gorgonzola in una ciotola, quindi ci aggiungo il radicchio frullato con il minipimer, e comincio a impastare, è troppo liquido devo aggiungere qualcosa. Apro di nuovo il frigo c'è un fondo di ricotta e lo butto dentro, quindi un uovo, un po' di parmigiano, ma è ancora morbido. Prendo allora una manciata di pangrattato e devo dire che funziona, ma alla fine decido di metterci dentro anche una decina di noci tritate. Aggiusto con poco sale e un po' di pepe bianco e il ripieno è pronto.
Prendo la nonna papera, stendo la pasta e inizio a riempire i ravioli con l'aiuto(!) della mia piccola che divertita dalla nonna papera e dagli attrezzetti per fare i ravioli si avvicina incuriosita.
Ed ecco qua: il risultato lo vedete dalle foto. In fondo alle 13.40 stiamo mangiando. La cosa più bella: come li condisco? Ma sì, faccio sciogliere un po' di burro in una padella con la salvia ce li butto dentro appena scolati e aggiusto di parmigiano. Ed ecco il vero tocco di gusto qualcuno si apre e... Meraviglia! La cremina che è all'interno si sparge e diventa un sughetto gustosissimo. Davvero speciale! Il problema ora è riprodurla. Sono sicura che se dovessi rifarli non verranno mai più così! Provo a lasciarvi le dosi. Ma ovviamente, come avrete capito dalla storia, è tutto molto approssimativo.


Ravioli integrali al gorgonzola


Ingredienti

per il ripieno:

  • 250 gr circa di gorgonzola morbido
  • 200 gr di radicchio rosso a foglia lunga
  • 80 gr di parmigiano grattugiato
  • 70/80 gr di ricotta (ma solo perché era in frigo da consumare, potete anche evitarla se volete)
  • una manciata di pan grattato
  • un uovo
  • una decina di noci tritate
  • sale e pepe bianco q.b.

per la pasta:

  • 250 gr di farina integrale
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Risy (del 07/06/2007 @ 22:52:44, in dolci, linkato 2567 volte)

Di muffin nei vari blog se ne trovano mille e una ricette. Io vi propongo la mia che come al solito è frutto di sperimentazioni e non di una dose ben precisa e che è dettata da una necessità: consumare le uova di Pasqua!
Avete mai avuto 17 uova da consumare?
Č pazzesco! Non sai cosa farci! Per lo più poi al latte e quindi benché si attenti alla linea dopo che l'hai mangiata nei 10 giorni successivi, sei stanco.
Intanto il caldo incombe e le uova cominciano a sciogliersi, quindi urge una soluzione. Innanzitutto ho sperimentato da due o tre anni che è possibile congelarlo il cioccolato quindi faccio dei bei sacchettini e li infilo in congelatore. Poi quando ho voglia, beh... preparo queste gustose merendine che la mia bimba si diverte a fare con me e che mangia con molto gusto.


Muffin


Ingredienti e preparazione

Muffin - Preparazione Metto a sciogliere a bagno maria circa 200 gr di cioccolato misto (non mi preoccupo se al latte e fondente insieme) con 100 gr di burro. Quindi li faccio raffredare un po'. In uno sbattitore metto a montare 3 uova e 150 gr di zucchero, quando sono montate aggiungo il cioccolato fuso e lascio montare ancora, aggiungo poi un bicchiere di latte oppure (come l'ultima volta) 125 gr di panna liquida, quindi metto la farina e il lievito. Faccio sempre dei mix di farina, per esempio aggiungo una Muffin - Preparazione 50ina di gr di farina di riso, 70 gr di farina integrale se piace, oppure tutta farina di grano tenero per circa 200 gr complessivi, io non le peso faccio un po' a occhio fino a che non vedo che la pasta ha la solita consistenza da torta, cioè "scrive"! Poi prendo i "pirottini da dolci" quelli in carta, n. 6, e ci metto un paio di cucchiaiate di impasto. Ho sperimentato da un po' di volte che li si può anche farcire, sono molto buoni: metto una cucchiaiata di pasta, poi ci aggiungo un paio di cucchiaini di marmellata di vostra preferenza (li ho fatti anche con la gelatina di limoni che avevo in casa ed erano squisiti) e poi metto un altro mezzo cucchiaio di impasto a coprire. Muffin - Preparazione Praticamente una volta cotti avranno un cuore morbido! Infine li metto in forno a 170/180° per una 15ina di minuti al massimo! Per finire, e per la gioia della piccola, faccio una glassa con zucchero a velo e acqua e li glasso, o in colori diversi oppure, come in queste foto, aggiungendo le codette di cioccolato colorate.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Risy (del 02/06/2007 @ 08:48:08, in dolci, linkato 2990 volte)

Grande festa d'estate

Se non fosse stato per quello spicchio di sole che per grazia del cielo è apparso ieri sulla nostra città, a giudicare dalla settimana pivosa che l'aveva preceduta, questa festa d'estate sarebbe stata proprio fuori luogo... E invece, fuori da ogni più rosea aspettativa, la giornata è riuscita benissimo. Un GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) di cui siamo simpatizzanti, ci ha invitato a trascorrere una giornata in una cascina in provincia di Como, per la tradizionale festa d'estate.
L'atmosfera davvero pittoresca, una cascina all'interno di un parco naturale, i campi coltivati con agricoltura biologica, un allevamento di un milione? Non so ma tantissime galline ovaiole, grandi prati verdi e tanta bella gente volenterosa che ha cucinato, preparato e dispensato i pasti, consumati per i più organizzati su tavoli e sedie pieghevoli, per i più sprovveduti come noi distesi sui prati, che per quanto piacevole come sensazione, erano tuttavia ancora bagnati, ma ci si adatta a tutto.
Una chitarra che suonava musica popolare, tanti bambini che correvano scalzi giocando e rincorrendosi o pasticciandosi con mille colori, una miniconferenza con i contadini che faticosamente conducono questa realtà. Insomma un piacevole ritaglio di pace e tranquillità lontano dalla frenesia e dallo smog cittadino. Ora vi chiederete e tutto questo che c'entra con le cibarie? C'entra c'entra...
Il clou della giornata è stata infatti la gara di torte! Chi voleva poteva preparare una torta e iscriverla al consorso con tre premi:
la più buona, la più bella la più sana.
Io ovviamente non potevo perdermi una simile occasione, e così ho trascorso gran parte della settimana a sbirciare ricette e blog, ma soprattutto a sperimentare torte con vani tentativi: prima ambivo alla più sana, e così mi sono lanciata nella prova di una torta di grano saraceno e mirtilli, e devo dire senza successo degno di lode, poi allora con la complicità di un'amica, mi sono lanciata sulla più bella, tale torta di Sant'Antonio, che doveva essere a forma di fiore molto scenografico.
Ma anche qui qualcosa è andato storto, e così, disperata, mentre sabato pomeriggio ero a casa della mia amica, ho deciso di andare sul sicuro: una vecchia, buona, tradizionale sacher, che non delude mai e che può puntare ad essere la più buona.
Così ci mettiamo all'opera.
Tutto sembra andare per il meglio e all'alba delle 23.30 la sacher è pronta per la gara.
Peccato, nonostante un bel 10 assegnato da uno dei giurati, ho totalizzato 44 punti, contro i 46 di una mezza specie di tiramisù che si è aggiudicato il primo premio e anche la macchina per fare il pane che c'era in palio!
Peccato... oggi devo fare il pane, continuerò ad impastarlo a mano *sigh*!
Comunque vi lascio la ricetta della Sacher di Giuditta, così come l'ho ribattezzata scrivendola sul mio libro delle ricette.
Sicuramente non vi tradirà mai!


Sacher


Ingredienti

  • 150 gr di cioccolato fondente
  • 150 gr di zucchero
  • 6 uova
  • 100 gr di burro
  • 150 gr di farina
  • 1 bustina di lievito
  • 250 gr di cioccolato fondente per la glassatura
  • marmellata di albicocche per farcire

Preparazione

Montare i tuorli con lo zucchero molto a lungo, a parte montare gli albumi ben fermi (* la Giuditta monta le uova intere e le viene bene ugualmente, decidete voi) sciogliete il burro in un pentolino con un po' di acqua calda, e sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente e fatelo intipidire. Procedete ad incorporare, sempre sbattendo, il burro e il cioccolato, gli albumi se li avete montati separatamente, e aggiungete per ultimi farina setacciata e lievito. Imburrate una tortiera da 26/28 cm di diametro, versatevi l'impasto e fate cuocere per circa 40 minuti, in forno caldo e moderato, 160/175°. Quando la torta sarà ben fredda innanzitutto pareggiatela, eliminando eventuali gonfiori che si siano formati con la lievitazione sulla superficie (la sacher si sa deve essere tutta piatta!) quindi tagliate in due la torta e farcitela con la marmellata di albicocche. Nel frattempo fate sciogliere, sempre a bagnomaria, circa 250 gr di cioccolato fondente per la copertura con 4/5 cucchiai di acqua, non appena sarà ben sciolto versatelo sulla torta e procedete alla glassatura spandendo il cioccolato dal centro verso i lati. Decorare con la tradizionale scritta o a piacere.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Cerca per parola chiave
 

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
_ pensieri di Bisy (2)
_ pensieri di Risy (3)
appuntamenti goliardici (1)
contorni (1)
dolci (4)
eventi (1)
pizze e rustici (1)
premi (1)
primi (3)
ricordi (1)
riflessioni (1)
secondi (2)
vacanze (3)

Catalogati per mese:
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Ultimi commenti:
Ciao Lety..mi fa pia...
03/11/2008 @ 14:30:03
Di risy
che bello vedere un ...
25/10/2008 @ 19:36:18
Di Mikamarlez
Ciao!che bello risen...
06/10/2008 @ 13:07:35
Di risy

Titolo
contorni (1)
dolci (6)
primi (3)
secondi (1)


Titolo

I preferiti di Risy...

Musica:
Pino Daniele, Renato Zero, Ligabue, F. De Gregori, e poi musica Jazz, soul, blues, Bossa Nova.

Libri:
La Casa degli Spiriti, Siddartha, Il codice da Vinci, La Casta, i romanzi di Sveva Casati Modigliani, Al di là del bene e del male, Il signore delle Mosche.

Film:
Tutti quelli del mitico Totò, del grande Pedro Almodavar, Il Signore degli Anelli, Ti presento Joe Black, Philadelfia, Via col Vento, C'era una volta in America, Chocolat. Le serie TV: Alias, Una mamma per amica, Grey's Anatomy, Dr House.






23/11/2017 @ 12:09:47
Il tuo computer ha digerito questa pagina in 48 ms



Layout di eStrix
distribuito da
pinkpowder: templates